Maddalena


Titolo: Maddalena

Autore: Pietro D’Asaro
Periodo: XVII sec.
Soggetto: Sacro
Collezione:
Proprietà: Comune di Reggio Calabria
Inventario: 6423C
Tecnica: olio su rame
Dimensioni: cm 23x17

DESCRIZIONE

La donna è rappresentata in atteggiamento di raccoglimento e di preghiera

Personaggi: Maddalena

Maria Maddalena è raffigurata principalmente come penitente e eremita, o come donna in abito lungo, talvolta con mantello.
L'iconografia di Maria Maddalena rispecchia la tradizionale, anche se inesatta, identificazione di questo personaggio con la suddetta peccatrice. La sua figura ha ispirato artisti di tutti i tempi e numerose sono le opere di pittura: Masaccio, Botticelli, Tiziano, Veronese, Caravaggio, El Greco, Rembrandt ed altri, nelle quali è rappresentata per lo più con i lunghi capelli sciolti ed una veste rossa, spesso con l'attributo del vasetto di unguento, sia come figura isolata: ad esempio penitente nel deserto, sia in episodi della vita di Gesù / nella suggestiva scena del lavaggio dei piedi, in quella della crocifissione, nel "Noli me tangere" della Resurrezione. Una delle leggende vuole che Maria di Magdala dopo la morte del maestro si fosse ritirata in una grotta in Provenza trascorrendovi trent'anni fino alla fine dei suoi giorni. Ma la tradizione greca altrettanto popolare la vuole morta in Efeso. Le sue ossa sarebbero poi state portate a Costantinopoli dall'Imperatore Leone VI nel secolo IX. Questa Santa è molto venerata anche dalla Chieda Ortodossa che spesso usa intitolare al suo culto le proprie chiese.
Attributi iconografici di Maria Maddalena: Il Vaso, il Teschio, il Cilicio o la Sferza, la Croce, il Libro, la Stuoia, lo Specchio rotto, i Capelli Lunghi, la Nudità, le Gioie disprezzate (collana di perle rotta), le Radici amare, la Grotta, gli Angeli

 

 

I commenti sono chiusi